Scavare nei cuori, trovare tesori ☁️

A cura della Dott.ssa Liliana Colletti



Il testo della canzone "Il cielo è sempre più blu" di Rino Gaetano esprime le contraddizioni della società, ma anche la speranza che, nonostante le disuguaglianze sociali ed economiche, alzando lo sguardo si vedrà che il cielo è uguale per tutti. Il cielo è sempre più blu perché esiste e r-esiste a tutte le vicissitudini umane e alle particolari condizioni di vita, è qualcosa che va oltre la nostra stessa esistenza: c'è e permane prima e dopo di noi.



Gianni Rodari aggiunge che il cielo è di tutti, interrogandoci sul motivo di vivere "spezzettando" la Terra.

La filosofia è nata dalla meraviglia, la reazione spontanea degli uomini suscitata dalla bellezza delle cose. I primi filosofi si interrogavano sull'origine del mondo e della realtà e riconducevano questa al concetto di Unità (il Tutto, l'Uno), quella sostanza, forza e legge che anima il mondo e che corrisponde al principio originario da cui tutte le cose sono state create, e a cui tutte torneranno.

Il distacco da questo provoca in noi un senso di nostalgia: la nostalgia dell'unità.

Avviene lo stesso nel momento del parto, quando il bambino nasce separandosi dal corpo della mamma, con la quale viveva in simbiosi e dipendenza: la prima azione che fa il bambino è un grido di dolore.


Questa sofferenza si rivive durante i conflitti, perché in queste situazioni si avverte una profonda separazione dagli altri e riemerge il "trauma originario".

Resta anche la speranza che il cielo è sempre più blu e che è di tutti noi. Non è proprietà esclusiva solo di alcuni, ma è manifestazione di un bene comune sempre presente.


Ciascuno custodisce in sé il mistero della propria vita e della vita del mondo. Alzare lo sguardo e scavare nei cuori permette di trovare questo tesoro incommensurabile, il nostro Bene comune.







"Il cielo è di tutti gli occhi, di ogni occhio è il cielo intero. ... Spiegatemi voi dunque, in prosa od in versetti, perché il cielo è uno solo e la Terra è tutta a pezzetti".













Chi vive in baracca, chi suda il salario Chi ama l'amore e i sogni di gloria Chi ruba pensioni, chi ha scarsa memoria Chi mangia una volta, chi tira al bersaglio Chi vuole l'aumento, chi gioca a Sanremo Chi porta gli occhiali, chi va sotto un treno Chi ama la zia, chi va a Porta Pia Chi trova scontato, chi come ha trovato Ma il cielo è sempre più blu Ma il cielo è sempre più blu

Chi sogna i milioni, chi gioca d'azzardo Chi gioca coi fili chi ha fatto l'indiano Chi fa il contadino, chi spazza i cortili Chi ruba, chi lotta, chi ha fatto la spia Ma il cielo è sempre più blu Il cielo è sempre più blu


Chi è assunto alla Zecca, chi ha fatto cilecca Chi ha crisi interiori, chi scava nei cuori Chi legge la mano, chi regna sovrano Chi suda, chi lotta, chi mangia una volta Chi gli manca la casa, chi vive da solo Chi prende assai poco, chi gioca col fuoco Chi vive in Calabria, chi vive d'amore Chi ha fatto la guerra, chi prende il sessanta Chi arriva agli ottanta, chi muore al lavoro Ma il cielo è sempre più blu Il cielo è sempre più blu

Chi è assicurato, chi è stato multato Chi possiede ed è avuto, chi va in farmacia Chi è morto di invidia o di gelosia Chi ha torto o ragione, chi è Napoleone Chi grida "al ladro!", chi ha l'antifurto Chi ha fatto un bel quadro, chi scrive sui muri Chi reagisce d'istinto, chi ha perso, chi ha vinto Chi mangia una volta, chi vuole l'aumento Chi cambia la barca, felice e contento Chi come ha trovato, chi tutto sommato Chi sogna i milioni, chi gioca d'azzardo Chi parte per Beirut e ha in tasca un miliardo Chi è stato multato, chi odia i terroni Chi canta Prévert, chi copia Baglioni Chi fa il contadino, chi ha fatto la spia Chi è morto d'invidia o di gelosia Chi legge la mano, chi vende amuleti Chi scrive poesie, chi tira le reti Chi mangia patate, chi beve un bicchiere Chi solo ogni tanto, chi tutte le sere Ma il cielo è sempre più blu

Il cielo è sempre più blu


Chi vive col padre, chi fa la rapina Chi sposa la Gina, chi ha rotto con tutti Chi vince a Merano, chi cerca il petrolio Chi dipinge ad olio, chi chiede un lavoro

Chi mangia patate, chi beve un bicchiere Chi fuma il Toscano, chi vive cent'anni Chi ha seguito una strada, chi ha fatto carriera Chi perde la calma, chi non sembra più lui Chi lamenta un dolore, chi chiede un lavoro Chi torna sui passi, chi ha visto Onassis Chi ha preso un diretto, chi canta in falsetto

Ma il cielo è sempre più blu

Il cielo è sempre più blu


Chi vive in baracca, chi suda il salario Chi ama l'amore, chi tira al bersaglio Chi sogna la gloria, chi ha scarsa memoria Chi gioca a Sanremo, chi va sotto un treno

...

0 visualizzazioni0 commenti